4 b 10 17 20 26 27 a 5 e c i h 1 f g 23 22 25 19 14 18 12 7 6 l tes2 d

Autore

Condividi

01 - Da Vinadio a Pietraporzio

Partenza Vinadio
Arrivo Pietraporzio
Lunghezza totale 20.1 km
Segnaletica

nessuno nel vallone di Neraissa, poi a vernice giallorossa, ometti di pietra

Tempi di percorrenza

1:50.000, Valli Maira-Grana-Stura, IGC Torino

Come arrivare

Con gli autobus ATI Trasporti Interurbani, via Circonvallazione 19, Saluzzo (CN), tel. 0175 478811, www.atibus.it: linea 93 da Cuneo stazione ferroviaria. La linea 102 Vinadio-Argentera prosegue e ferma a Pietraporzio e Pontebernardo.

Ore di cammino: 7
Dislivello in salita: 2100 m
Dislivello in discesa: 1750 m
Difficoltà: impegnativo

Mangiare e dormire

A Vinadio:

Albergo Chalet Monte Nebius,
via Roma 9, tel. 0171 959362, info@naturavventura.comwww.naturavventura.com.

Albergo Ligure,
via Vittorio Emanuele 3, tel. 0171 959149, ligure.hotel@libero.it.

A Pietraporzio:

Locanda Occitana Regina delle Alpi
via Nazionale 3, tel.0171 96618 reginaalpi@libero.it www.reginadellealpi.com.

Campeggio Cento Sentieri
Via Nazionale.

Posto tappa GTA
Le Barricate , Fr.Pontebernardo, tel. 0171 96616.

Il percorso

Prima di partire, a Vinadio visitate il forte Albertino, costruito tra il 1834 e il 1847 per iniziativa del re Carlo Alberto di Savoia. La sua linea di sbarramento, articolata in bastionate, fossati, camminamenti, è lunga, in linea d’aria, più di un chilometro. Non fu mai armato e non ebbe battesimo del fuoco. È oggi sede di esposizioni e manifestazioni culturali. Dalla Parrocchiale di Vinadio(m 910), titolata a S. Fiorenzo (XIV-XVII sec.), si sale sulla strada asfaltata per Neraissa. Da un tornante si segue il sentiero che sale a destra sul versante orografico destro del vallone. Si toccano i ruderi delle baite di Lentre, quindi si sale su ripido percorso di crinale, toccando la frazione abbandonata di Castellar(m 1370) e trovando la strada asfaltata poco prima della borgata di Neraissa Inferiore(m 1433), dove si trovano alcune superstiti case con i tetti di paglia di segale. Si sale sulla sterrata che sale sul versante orografico destro del vallone fino al colle di Neraissa(m 2015), per proseguire a mezzacosta fino al colle Cialdoletta(m 1761). Si scende alla borgata di S. Anna di Sambuco(m 1432), dove si intercetta il sentiero delle nove borgate di Sambuco. Si traversa a mezzacosta il vallone della Madonna, per proseguire ancora a mezzacosta a monte di Sambuco, toccando le frazioni abbandonate di Goulasi(m 1349) e Serre Bouisoun(m 1365). Si prosegue su pista forestale, quindi su carrareccia fino a Borgata Serre(m 1419). Con sentiero panoramico a mezzacosta si raggiunge Moriglione di Fondo(m 1432), quindi su pista sterrata, Moriglione S. Lorenzo(m 1414). Dalla borgata si scende su asfalto fino a Pietraporzio (m 1246), con un breve tratto di SS 21.

Mappa

Risorse nelle vicinanze...loading